Spett.le redazione, ma cosa si intende per "prestazioni indispensabili"?

In via di estrema sintesi, l'astensione dal lavoro per sciopero all'interno dei servizi pubblici essenziali è ammessa solo se siano comunque assicurate le cd. "prestazioni indispensabili" le quali garantiscono il contemperamento dei due interessi costituzionalmente protetti coinvolti: da un lato, il diritto dei lavoratori a scioperare, e, dall'altro, i diritti della persona che non possono essere lesi o pretermessi. Le prestazioni indispensabili vengono individuate, in prima istanza, dai contratti collettivi stipulati tra le amministrazioni, le imprese o gli enti erogatori dei servizi e i sindacati dei lavoratori (art. 2, comma 2, legge n. 146/1990): sono dunque gli accordi tra le parti a determinare quale e quanto del "servizio essenziale" deve essere mantenuto nelle ore di sciopero, eventualmente stabilendo anche quanti lavoratori debbano presiedere a ciascun servizio per garantirne la funzionalità minima concordata. Se invece si tratta di lavoratori autonomi, per i quali non esiste, come invece per i lavoratori subordinati, una contrattazione collettiva, la legge n. 83/2000 di riforma della legge n. 146/1990 ha previsto che anch'essi debbano definire le prestazioni da considerarsi indispensabili attraverso cd. "codici di autoregolamentazione" adottati dai diversi organismi di rappresentanza delle diverse categorie interessate.

LA REDAZIONE RISPONDE

ULTIME DOMANDE RICEVUTE

Vedi tutti Chiudi

FAI LA TUA DOMANDA