Spett.le redazione, non mi sono chiari i contenuti della direttiva sul trasferimento d'azienda, e la sua influenza sulla legislazione italiana

La Direttiva 12 marzo 2001, n. 2001/23, rispetto alle precedenti Direttive incidenti sulla medesima materia del trasferimento d'azienda (Direttiva 14 febbraio 1977, n. 77/187; Direttiva 28 giugno 1998, n. 98/50) viene comunemente definita "Direttiva di codificazione": ciò significa che il più recente intervento comunitario non ha apportato sostanziali modifiche alle precedenti disposizioni, ma ha sostanzialmente riorganizzato le previsioni contenute nei due testi precedenti, dando maggiore organicità e chiarezza alla disciplina del trasferimento d'azienda. Ciò ha poi largamente inciso sull'attuazione della Direttiva all'interno degli Stati membri, non ultimo quello italiano, il quale con il d.lgs. 2 febbraio 2001, n. 18, ha novellato interamente l'art. 2112 c.c., nonché modificato i primi quattro commi dell'art. 47 della legge n. 428/1990, eliminando alcuni punti di contrasto che ancora distinguevano la normativa interna rispetto ai principi espressi in sede comunitaria.

LA REDAZIONE RISPONDE

ULTIME DOMANDE RICEVUTE

Vedi tutti Chiudi

FAI LA TUA DOMANDA